Serpe ‘n seno

Quann’è buio che nun vedo più
Quanno l’arba se tinge de blu
Sembra presto pe’ ‘sta nostalgia
Sembra l’ora d’annassene via.

Ma ndo vado io senza de te
Giro a voto e me chiedo perché
La miseria de questa città
Me rimbarza e nun provo pietà.

È da stronzi girasse de là
Fà l’attori de gran varietà
L’hai crepato ‘sto cor de leone
Giusto er sole mo c’ha pe’ padrone.

Nun vojo sapé, nun vojo sentì
E co’ sta serpe ‘n seno, nun posso cantà più
Fosse la vorta bona che te liberi de me.

Sta’ tranquilla lo so che vor dì
Che emozione se prova a tradì
De nascosto m’hai dato er veleno
Sto a morì ma non piango e nun tremo.

T’avrei dovuto tené sotto controllo,
La mattina quanno tornavi a casa fatte er terzo grado,
Perché fidasse è bene, ma nun fidasse è mejo.
E l’ho sentiti nel letto li singhiozzi, l’incubi de ‘na coscienza zozza
De chi vò volà verso ‘na vita nova, ma c’ha ‘na palla ar piede.
E allora lo sai che te dico? Me faccio da parte e me sto zitto,
Lasciannote ‘na cosa che ar monno nun se po’ nega a nessuno,
Er privilegio de illudese e de lascià a costruitte n’artra buscia,
Più grossa, più accesa, più bella.
E pure quella potrai chiamalla verità.